Museo d’Arte Applicata

Museo d’Arte Applicata

Il Museo d’Arte Applicata (Magyar Iparművészeti Múzeum in ungherese) trova albergo all’interno di uno splendido palazzo in stile Art Nouveau, nato dalla collaborazione tra Gyula Pàrtos ed Odon Lechner. Ecco qualche informazione al riguardo.

Museo d'arte applicata
Misibacsi from the Hungarian Wikipedia [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]
Come si può intuire dalla foto, chiunque passi davanti a questo palazzo ne resta attratto dal tetto verde ed in generale per la sua forma particolare.

Trattandosi di un museo di arte applicata ovviamente al suo interno troverete oggetti di uso comune che si contraddistinguono per la loro estetica e design particolare.

Curiosità

La sua costruzione risale all’ormai lontano 1896 e venne autorizzata dall’imperatore Francesco Giuseppe che volle così celebrare il millennio della nascita dell’Ungheria. L’idea probabilmente gli venne sulla scorta di musei dello stesso genere già presenti a Londra ed a Vienna.

Il bellissimo palazzo venne danneggiato durante la seconda guerra mondiale e fu restaurato soltanto nel 1956. La struttura si articola su più piani in cui hanno contemporaneamente luogo varie esposizioni. Quelle di maggiore interesse restano fruibili per un intero anno, le altre variano mensilmente. Permanente è invece la mostra intitolata “Collezionisti e Tesori” che espone oggetti di interesse culturale ed artistico di cui si illustra la storia, si danno cenni relativi al legittimo proprietario e si rende nota la strada attraverso cui il museo ne è entrato in possesso. Al primo piano dell’edificio è inoltre presente una ricchissima biblioteca: essa contiene la bellezza di 50 mila volumi.

Ma all’interno del palazzo non sono esposti soltanto oggetti d’arte e di cultura. Sono qui presenti orologi, tappeti, porcellane, materiali tessili e qualunque altro prodotto di una certa rilevanza realizzato dall’uomo in maniera talmente eccellente da poter essere ritenuto un’opera d’arte. Qui dentro insomma trova spazio la cultura ufficiale e quella di nicchia, la bellezza convenzionale e quella, per così dire, alternativa e capace di esplicarsi persino negli oggetti di uso comune.

Informazioni utili

Il museo è chiuso il lunedì, ed è aperto i restanti giorni dalle 10:00 alle 18:00. L’ingresso è gratuito per gli ultra settantenni e per i possessori di Budapest Card. Il costo del biglietto è di 2000 fiorini ma è applicato il 50% di sconto alle persone dai 6 ai 26 anni e dai 62 ai 70 anni.

Come arrivare

Ubicato al numero 33 di Üllői út, si può raggiungere in tram (linee 4 e 6) o con la metro (linea M3) scendendo in entrambi i casi alla fermata Ferenc körút. Stessa fermata anche se si opta per l’autobus che passa da qui con le corse 906, 914, 914A, 923, 950, 950A, 966, 979 e 979A.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi