Chiesa di Mattia

Chiesa di Mattia

A molti potrà sembrare banale dirlo, per tanti altri, invece, sarà una cosa non risaputa: Budapest, la Capitale dell’Ungheria, è in realtà l’unione di due agglomerati urbani un tempo separati dal Danubio, le città di Buda e di Pest che furono collegate per la prima volta tra loro dal celebre Ponte delle Catene e oggi collegate da quattro ponti sul grande fiume. Pest, in posizione pianeggiante, è la parte più commerciale della città di Budapest e sede dei locali della movida, del divertimento mentre Buda è la parte collinare, più residenziale, la cui parte più alta è raggiungibile, oltre che con la strada, anche con una bella e pratica funicolare. E’ in questo quartiere collinare che si trova la Chiesa di Mattia che si presenta al visitatore con le sue meravigliose guglie in stile gotico.

Chiesa di San Mattia Budapest

La Chiesa di Mattia venne edificata nel XIII Secolo per volere del Re Bèla IV con il nome consacrato alla Nostra Signora, la Vergine Maria e solo successivamente cambiò il nome in quello che è ancora ai nostri giorni, in onore al Re ungherese Mattia Corvino, un grande Re amato dal popolo e aperto allo sviluppo della città, che la fece ricostruire verso la fine del XV secolo. Re Mattia Corvino volle celebrare in questa Chiesa i suoi due matrimoni e sull’edificio oggi ancora sono ben in evidenza il corvo, lo stemma reale, che si trova sulla torre.

La storia è passata da questa Chiesa

I fasti del passato, la storia, ha visto l’Ungheria appartenere al prestigioso Impero Austro Ungarico e la Chiesa di Mattia ha rappresentato lo scenario di importanti fatti riguardanti questo Impero: ad esempio nel 1867 qui venne incoronato Imperatore Francesco Giuseppe I facendo diventare Imperatrice la sua consorte Elisabetta, l’amatissima, mitica Principessa Sissi che ancora oggi è conosciuta e celebrata anche in molti film.  In quell’occasione il famoso compositore Liszt compose e diresse la messa dell’incoronazione, anche grazie alla perfetta acustica della Chiesa di Mattia.

Interno Chiesa di San Mattia

Dopo la ricostruzione della fine del 1400 la Chiesa venne rimaneggiata ed arricchita e durante l’occupazione turca di oltre un secolo, tra l 1541 e il 1686, venne trasformata in moschea. La Chiesa di Mattia fu oggetto di interventi di ristrutturazione per volere dell’Imperatore Francesco Giuseppe I e in questa occasione assunse l’aspetto in stile gotico. Venne poi duramente danneggiata durante la seconda guerra mondiale e i danni comportarono un lavoro ventennale di restauro.

Da ammirare nella visita a questa Chiesa la guglia merlettata in pietra, la più alta con i suoi 80 metri, che è dedicata al Re Mattia, mentre la torre più bassa è dedicata al Re che la fece costruire, Re Bèla. Meraviglioso il suo tetto in tegole colorate. All’interno si possono ammirare affreschi e decorazioni che colpiscono per la varietà di stili, dal liberty a quello di maggiore influenza orientale e poi opere di artisti famosi ungheresi. Sono altresì presenti molte reliquie religiose e ricordi delle incoronazioni che qui si sono tenute. La visita ha il costo approssimativo di 7 Euro ed è possibile solo nei momenti in cui non si celebrano funzioni religiose.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi