Castello di Buda

Castello di Buda

A regalare panorami mozzafiato e una vista magnifica è certamente il Castello di Buda, simbolo incontrastato di Budapest. Si tratta di un castello imponente che da dalla collina Várhegy si innalza sopra la città offrendo una vista meravigliosa.

L’Ungheria ha vissuto una storia tumultuosa e ovviamente il Castello di Buda non è stato da meno. Oggi è chiamato anche Palazzo Reale e al suo interno sono ospitati il Musero storico di Budapest e la Galleria Nazionale, oltre ad altri istituti culturali.

Castello di Buda e Danubio

Breve storia

Il Re Béla IV costruì un primo rifugio protetto da mura dopo le invasioni dei Mongoli, ma oggi non rimangono neanche i segni di questa costruzione.

Il Re Mattia adattò il castello  durante il Rinascimento per adattarlo allo stile in uso in quell’epoca. Ma il Castello fu rovinato dai turchi che governarono l’Ungheria dal 1541 al 1686. Gli Asburgo ridettero un nuovo palazzo alla città, costruendolo in stile barocco fra il 1714 e il 1723.

Ma il Castello su parzialmente distrutto quando gli ungheresi si rivoltarono proprio contro il regime asburgico nel 1849. Ricostruito dopo il compromesso con gli stessi Asburgo, il Castello di Buda subì nuovamente gravi danni durante la seconda guerra mondiale. Nel 1950 l’architetto István Janáki ricostruì il Castello in stile classico, integrando nel nuovo complesso le rovine di epoca rinascimentale venute alla luce durante i lavori.

Gli esterni e gli interni

Il Castello di Buda si affaccia sul Danubio con tutta la sua imponenza e i suoi 300 metri di lunghezza. Rispetto alla versioni precedenti, la parte esterna del Castello di Buda si mostra più austera, mentre gli interni, come è tipico del passato, abbondano di sfarzo e ornamenti.

Il Castello è costituito da delle ali (dalla A alla F) articolare intorno al Cortile del Leone. Attorno ad esso ci sono il Museo di storia di Budapest, la Biblioteca Nazionale e la Galleria Nazionale.

Da Pest, passando per il Ponte delle Catene si può prendere la funicolare che porta fino alla Piazza di San Giorgio che quindi è il punto del Castello di Buda da cui entrano più visitatori. Prima di accedere dalla piazza all’area del Palazzo si deve passare sotto un portone ornamentale risalente all’inizio del XX secolo. Qui è situata una grande statua in bronzo che raffigura un uccello, a simboleggiare il Regno d’Ungheria.

La Galleria Nazionale

Nella Galleria Nazionale ungherese, che occupa ben quattro delle sette ali del Palazzo, sono esposte opere del Medioevo fino a quelle odierne di artisti ungheresi. Le collezioni più importanti sono quelle situate in quella che era la sala del trono e risalgono al 1300 e 1400 e le pitture del Romanticismo ungherese.

La Biblioteca nazionale

La Biblioteca nazionale occupa l’ala F e si trova quindi opposta alla Galleria, ad ovest del cortile. La sua fondazione all’inizio dell’800 fu ad opera di Ferenc Széchényi che donò 15000 fra libri e manoscritti della sua collezione privata. Ogni libro pubblicato in Ungheria ha una copia in questa biblioteca.

Entrata biblioteca nazionale di Budapest

Museo di storia di Budapest

Il Museo di Storia di Budapest si trova nell’ala più a sud. E’ possibile ammirare sia resti che ricostruzioni del Palazzo medioevale comprese la Sala dei cavalieri e la Cappella gotica e ripercorrere la storia di Budapest dalla preistoria ai giorni nostri.

Informazioni utili

A colpire positivamente i turisti è che giardini e cortili del Castello di Buda sono aperti 24 ore su 24. Non di rado sono ospitati festival a cui è possibile accedere pagando un biglietto.

Invece è sempre possibile visitare il Palazzo, rispettando ovviamente giorni e orari d’apertura del Museo e della Galleria Nazionale che vanno dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18 (fino alle 16 in inverno).

Viale Castello di Buda

Nei dintorni del Castello di Buda

Dopo aver visitato il Castello di Buda e tutto quello che c’è all’interno la visita non è affatto finita, anzi ci sono ancora tanti monumenti molto famosi di Budapest, tra cui:

  • La Chiesa di Mattia: in questa chiesa in stile gotico e costruita nel XIII secolo, molti re ungheresi sono stati incoronati. Gli intagli dei portoni, la decorazione delle cappelle, cosi come la torre e le tre navate sono assolutamente da ammirare in tutta la lor bellezza. Non per niente la chiesa, che oggi ospita concerti, è uno dei maggiori vanti di Budapest. Da non perdere le tre navate e la torre, le decorazioni delle cappelle e gli intagli dei portoni.
  • Il Bastione dei Pescatori: questo posto vi trasporterà direttamente in una fiaba. Da qui potrete ammirare Budapest e scattare e farvi scattare forse le più belle foto di tutta la vostra vacanza nella capitale magiara. Si tratta di un edificio composto da sette torri che simboleggiavano sette capitrubù. Anticamente al suo posto c’era un’altra fortezza. Il Bastione è famoso anche per la statura del re Santo Stefano che capeggia al centro della corte.
  • La Piazza del Portone di Vienna (Bécsi Kapu): il portone simboleggia la riconquista di Buda che torna ad essere cristiana nel 1686 e ovviamente la Porta punta verso Vienna. La piazza ospitava anticamente il mercato. Al centro della piazza c’è una statua di donna che evoca il linguista ungherese Ferenc Kazinczy.

Il tunnel sotto il Castello

Abbiamo scritto che il Castello di Buda sorge sulla collina che vi troverete davanti dopo aver attraversato il Ponte delle Catene. Ma alla fine del Ponte c’è qualche altra cosa che attirerà la vostra attenzione: un imponente ornamento architettonico che da l’inizio al tunnel sotto il Castello che attraversa tutta la collina. Oggi il suo accesso è aperto solo al traffico motorizzato ma inizialmente era accessibile anche ai pedoni. Il tunnel fu progettato da Adam Clark è lungo 350 metri, alto 11 e largo 9. Fra il ponte delle Catene e l’ingresso del tunnel c’è una pietra miliare (kilométerkő) perchè tutte le distanze di Budapest da qualsiasi altro luogo sono calcolate partendo da qui che in pratica è considerata la porta della città.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi