Bastione dei Pescatori

Bastione dei Pescatori

Da Pest, nei pressi del ponte delle Catene, alzando lo sguardo verso la collina di Buda, si può ammirare un bastione formidabile e maestoso che domina il Danubio. Si tratta del Bastione dei Pescatori, una fortificazione costruita con lo scopo di difendere la città dagli attacchi nemici, il cui compito era stato assegnato ai pescatori, da qui il suo nome. Il suo nome locale è Halaszbastya, opera dell’ungherese Frigyes Shlek tra il 1895 e il 1902.

Il Bastione dei Pescatori è in stile neogotico e neoromanico, voluto dal suo costruttore con un mirabile gioco di guglie, scalinate e chiostri, a comporre una costruzione davvero bella da vedere anche per i suoi colori tenui che danno ancora maggiore forza al Bastione.

Panorama da Bastione dei Pescatori

Questo si trova molto vicino alla Chiesa di Mattia, protagonista di importanti fatti storici dell’Impero Austroungarico ma ancora prima nella storia dell’Ungheria. I due edifici presentano gli stessi colori e la loro vicinanza è tale che ad un visitatore disattento potrebbero sembrare un unico edificio. Tra la Chiesa di Mattia e il Bastione dei pescatori si trova la statua in bronzo dedicata a Stefano d’Ungheria, rappresentato a cavallo. Al Bastione si accede con un’imponente scalinata ai cui lati si trovano diverse statue in marmo.

Santo Stefano d'Ungheria - Bastione dei Pescatori

Visitare il Bastione

Questa imponente costruzione venne danneggiata nel corso della seconda guerra mondiale e subì un’impegnativa opera di restauro, eseguita su progetto del figlio del suo costruttore, Janos Shlek, tra il 1947 e il 1948, ridando l’originale splendore all’opera del padre. Questa fortificazione presenta sette torri che sono state costruite in onore delle sette tribù Magiare che diedero di fatto origine all’attuale Ungheria, insediandosi nel bacino dei Carpazi nel 896. Dal Bastione, dalla terrazza e dalle sue torri, si gode di una veduta straordinaria sul sottostante Danubio, su Pest, l’isola Margherita e la collina di Gellert, praticamente su tutta l’area su cui sorge Budapest e ancora di più si ammira il suo splendido e grandioso Parlamento.

Bastione dei Pescatori

Il bastione, come detto, costruito con finalità difensive, tuttavia, non ha mai assolto a tale compito e oggi rappresenta certamente un’importante attrazione turistica ma attraverso la sua scalinata di accesso si arriva anche al Castello e alla parte alta della collina di Buda. Il Bastione dei Pescatori, per la sua bellezza e il pregio della sua architettura è stato inserito dall’UNESCO nel 1988 nell’elenco dei siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità. La visita al Bastione è libera, gratuita ma fa eccezione la visita alle torri e alla Cappella di San Michele che sorge al suo interno, aperta alle visite solo dal 2003, per le quali sono previsti due pagamenti separati ma di basso costo, soltanto 2-3 Euro, per godere di una visita che non si dimentica facilmente. In una tua visita a Budapest, in un soggiorno in questa bellissima città, non può assolutamente mancare, tra le visite principali alla bellezza della città, una visita al Bastione dei Pescatori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi